9 settembre 2013

(52) RE SILVIO SOLE E LA REGINA MARIA ANTONLETTA. COME SPIEGARE IL CONFLITTO DI INTERESSI AI POVERACCI CHE HANNO VOTATO LU’, IL PADRUN DE QUASI TUT

Agosto (52)
 Introduzione alla lettura
 29/08/13
 
     Caro affittuario Ater, hai sempre pensato che come Silvio nessuno mai. Hai sempre guardato con indifferenza, che dico, con insofferenza!, quei comunisti bastardi con quella palla del conflitto di interesse, come se ci dovessero essere leggi per indicare cosa sia giusto fare e cosa no, come se uno non potesse fare quello che gli pare. E ora  caro affittuario Ater Silvio ti ripaga con la sua moneta.

 
      A volte non riesci a mettere insieme il pranzo con la cena e Silvio Sole e la sua consorte Maria Antonletta si sono inventati che nessuna tassa è dovuta dal semplice possesso, non di un piccola casa, ma dall’essere proprietario di appartamenti che valgono non centinaia ma milioni di euro. E te, ragionando con quella cosa oscena che per gli altri mammiferi, quelli intelligenti, è chiamata cervello, pensi che la cosa non ti interessi e loro, che invece di te si interessano sempre, hanno pensato, che democratici!, di coinvolgerti nei loro giochini.
 
     Le tasse non sono mai a somma zero. Se io tolgo a qualcuno prenderò da qualcun altro e sembra che una parte delle tasse che non faranno pagare ai ricconi amici di Silvio Sole le pagherai in parte anche tu con Service tax, doppiamente poveraccio, di censo, ma ancor di più di testa.
 
                                                     Paolosenzabandiere

Nessun commento:

Posta un commento