27 aprile 2013

(27) RODOTA’ PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA? PER CERTI INCIUCISTI DEL PIDDI’ E’ MEGLIO SILVIO.

Aprile (27)
Introduzione alla lettura
24/04/13




     Io spero di sbagliarmi ma un sospetto, non un atroce sospetto, perché di atroce sospetto non c’è nulla quando parli di quei criminali inciucisti del piddì che in oltre 20 anni hanno fatto prosperare l’unico vero loro signore e padrone,  un sospetto, come dicevo, incomincio ad averlo.
     La parte più screditata del piddì, quella a cui faceva schifo votare Prodi o Rodotà,  ha preferito conferire il mandato al presidente uscente. Napolitano dice di aver accettato a malincuore, ma ha accettato, e avvertito che se non si fa un governo delle grandi intese, per altri il grande inciucio, scioglierà le camere, indirà le elezioni e si dimetterà. Uomo di altri tempi!
     A capo del governo sembra voglia candidare Letta il “giovane”, l’uomo che giustificava coloro che si difendevano non nel processo ma “dal processo”. Non deve sfuggire a nessuno che molti del piddì l’inciucio, pardon il governo col piddielle, non lo vogliono fare. Di fronte a questa bella scissione di fatto, se ci sarà, cosa farà Silvio Berlusconi? Un governo con una bella fetta del piddì all’opposizione o chiederà elezioni subito? Considerando che se non si fa il governo, Napolitano si dimetterà e permetterà, con le sue dimissioni, di vincere tutto a chi vince le elezioni, per cosa pensate opterà Silvio? Ma forse ho solo delle allucinazioni. Diciamo che Silvio deciderà quale sarà la soluzione migliore, avendo solo lui le carte per decidere. Far nascere il governo Letta o andare alle elezioni? Decisione che prenderà solo per il bene del paese, cioè pensando solo per se stesso.
                                                              paolosenzabandiere



Nessun commento:

Posta un commento